Raccomandazioni generali sugli altri indicatori
Il trader deve ricordare alcune semplici regole prima di iniziare a fare trading e migliorare le proprie conoscenze analitiche, utilizzando le regole generali della strategia AF Binary 60s v.2.6.2.

1. Non fare trading con mercati in break-even.
In primo luogo, il lavoro degli indicatori è molto più efficace quando il mercato è movimentato. In secondo luogo in questi momenti i broker hanno più possibilità di concludere le transazioni non a tuo favore, ossia il movimento di prezzi è molto debole e il punto di chiusura dell’operazione è molto vicino a quello dell’apertura, ossia in questo momento potrebbero verificarsi delle spinte ai prezzi. Questa è una pratica standard di tutti i broker. Per questo motivo è meglio fare trading sul mercato volatile, perché i prezzi si allontanino dai punti di ingresso e il broker non possa manipolare il momento della chiusura. Osserviamo una situazione quando si opera su un mercato volatile, è il prezzo al momento di chiusura dell’operazione è di 10-20 o più punti in tuo vantaggio. Improvvisamente il broker chiude l’operazione non in tuo vantaggio. A questo punto sicuramente avrai delle domande per il broker e ci sono 2 varianti: o effettivamente nel momento di chiusura si è verificato un forte impulso (che accade molto raramente), o il broker imbroglia e manipola i prezzi. I broker con licenza semplicemente non effettuano tali manipolazioni perché sono semplici da riscontrare. Quindi ora vediamo una situazione mentre operi su un mercato in break-even. Ammettiamo che il prezzo al momento della chiusura era praticamente al punto iniziale (differenza di 1-4 punti) e il broker chiude l’operazione senza restituire utili. Pensi che si sia trattato di un piccolo impulso e non notate l’inganno del broker, poiché la manipolazione di tali somme è molto più semplice per il broker e non è facile per il trader scoprirla. Per questo motivo fare trading con mercato in break-even è molto rischioso.

Per determinare le condizioni del mercato abbiamo aggiunto al sistema un indicatore, «Indicatore di volatilità del mercato”, che si trova sotto al grafico. Sono presenti indicazioni 1Min e 5Min ed è tutto ciò che serve per il trading con opzioni da 60 secondi.

L’indicatore deve indicare per i 5Min come minimo una cifra superiore a 30.
Consiglio: se sia per 1Мin che per 5Мin la cifra è superiore a 30, ciò rappresenta un indicatore ancora più efficace.

2. Non effettuare mai trading in controtendenza
Sembrerebbe essere una regola semplice da seguire. Ma molti trader aprono transazioni andando in senso opposto alla tendenza che si crea sul mercato.

Per questo motivo abbiamo creato 3 indicatori di determinazione della tendenza, che si trovano dall’alto in basso nella parte destra della finestra con il grafico principale relativo al lungo termine.

L’indicatore più in alto indica il movimento dei prezzi secondo 3 parametri (MACD, STR e EMA), ognuno dei quali presenta un’indicazione progressiva sotto forma di cubi che si colorano in rosso (il prezzo si muove verso il basso) o verde (il prezzo si muove verso l’alto). Più sopra sono presenti delle colonne, ognuna delle quali corrisponde a intervalli di tempo: 1 minuto, 5, 15 e 30 minuti. Le due ultime colonne indicano rispettivamente 1 e 4 ore. Per il trading con opzioni da 60 secondi è sufficiente utilizzare solo le prime 2 colonne, ossia gli indicatori da 1 e 5 minuti. In caso di abbassamento dei prezzi devono essere rossi, al contrario saranno di colore verde. Inoltre è necessario capire che tante più colonne da sinistra a destra hanno lo stesso colore meglio è, perché ciò indica che il prezzo ha un movimento molto solido nella direzione indicata dal colore.

L’indicatore in mezzo mostra il movimento dei prezzi in rapporto percentuale. La descrizione di questo indicatore è presente più sopra. Ora vogliamo solo concentrare la tua attenzione sul fatto che non è necessario effettuare operazioni che vanno al contrario di quanto stabilito dall’indicatore. Quanto più è alta la percentuale, tanto più il movimento è forte. Ad esempio, se il prezzo sale per il 55% e scende per il 45%, si tratta di un segnale meno indicativo rispetto al fatto che l’indicatore segnala 70% all’insù e 30% all’ingiù.

L’indicatore più in basso è l’indicatore di determinazione della forza del movimento del prezzo. Qua è tutto analogo a quanto abbiamo già detto sugli altri indicatori. L’unica differenza di questo indicatore è che ha una certa sensibilità sulle modifiche degli indicatori di prezzo, poiché quanto più la colonna è alta, tanto è più forte il movimento del prezzo. Raccomandiamo di effettuare un’operazione quando la colonna da 1 minuto ha un indicatore non inferiore a 7 (rosso o verde a seconda della tendenza dell’Alert) e ha una tendenza all’aumento delle cifre (ad esempio era 5, poi 6, poi 7 e sale al cambiare del prezzo).

La linea di determinazione della tendenza può anche aiutare a determinare il trend in corso e per maggior comodità l’abbiamo inserito direttamente nel grafico ed è presente in forma di candela. La linea ha un'indicazione di tre colori: il blu indica una tendenza all’aumento dei prezzi, il rosso una tendenza alla diminuzione dei prezzi e il giallo una modifica del trend in corso. Quanto più questa linea ha un angolo inclinato rispetto alla linea immaginaria orizzontale, tanto più la tendenza è forte.

Di conseguenza, se noti una linea orizzontale o quasi il mercato è in condizione di break-even.

Non effettuiamo quindi operazioni sulla diminuzione dei prezzi se la linea è blu e rivolta verso l’alto, e non effettuiamo operazioni sull’aumento dei prezzi se la linea è rossa e rivolta all’ingiù.
Attenzione! Non si devono effettuare operazioni in caso di linea con colorazione gialla.

3. Discrepanza tra i risultati degli istogrammi e l’effettivo movimento dei prezzi
Molti trader non capiscono perché, ad esempio, il prezzo va verso l’alto, e si vede una candela verde, e l’istogramma ha già effettuato un’inversione e punta verso lo zero. Chiariamo: se sul mercato si verifica un movimento verso l’alto, e l’istogramma pende verso il basso, ciò significa che la velocità della tendenza di crescita gradualmente si abbassa ed è necessario ricercare punti per la discesa del prezzo. Se sul mercato si verifica un movimento verso il basso, e l’inclinazione dell’istogramma è diretta verso l’alto, ciò indica che la velocità di discesa dei prezzi diminuisce ed è necessario ricercare punti per la crescita del prezzo.

4. Punti di supporto e resistenza
I punti di supporto hanno colore blu. I punti di resistenza hanno colore rosso. Come regola, i prezzi cercano di allontanarsi da questi punti in direzione opposta se sul mercato non è presente un forte movimento di qualche tendenza. Per questo motivo, se vedi che sul mercato non è presente una forte tendenza verso l’alto, è arrivato un segnale di aumento del prezzo e la candela si è già praticamente trasformata in colore rosso, difficilmente questo segnale è affidabile ed è meglio ignorarlo o attendere ulteriori movimenti di mercato. Se in seguito va ulteriormente verso l’alto, ciò significa che sul mercato in quel momento sta per comparire un forte trend verso l’alto. E tutto è esattamente opposto se il prezzo si appoggia sui punti blu di resistenza e arriva un segnale di calo.